Chiudi
Chiudi
Servizio Commerciale
800 - 900161Rete fissa
Pronto intervento H24
800-900 161 da rete fissa 081-0206622 da rete mobile
Contatti telefonici
img-page-come-leggere-bolletta

Come leggere la bolletta

Conosci in dettaglio le voci della bolletta

Come leggere la bolletta

Conoscere la bolletta dell’acqua ti assicura una visione complessiva e chiara sui tuoi consumi e sulla tua spesa. L’elemento principale della bolletta è il primo foglio del documento che contiene le informazioni più importanti per i servizi attivi di acquedotto, fognatura e depurazione sulla tua utenza.

Nei successivi fogli del documento puoi apprendere i dettagli sui vari aspetti della tua fornitura, oltre ad uno storico dei consumi pregressi e alla tipologia di consumi fatturati - effettivi, stimati o ricostruiti.

La nostra bolletta è stata ridisegnata e semplificata per rispondere al meglio alle tue esigenze agevolando la lettura e la comprensione.

I codici

In alto a destra sul primo foglio del documento troverai i codici identificativi riconducibili al tuo contratto ed alla tua fornitura, è comodo averli sempre a portata di mano per le tue esigenze commerciali e tecniche.



pagina bolletta gori acqua codici identificativi

I contatti

A sinistra dello stesso foglio abbiamo posizionato tutti i nostri canali di contatto per prestarti supporto in ogni esigenza, nel minor tempo possibile.

pagina bolletta gori acqua contatti

Dati di fornitura e consumi 

Più in basso troverai tutte le informazioni principali relative alla tua fornitura, quali l’intestatario, l’ubicazione e la tipologia del contatore; oltre ad un pratico riepilogo dei consumi effettuati sulla base degli ultimi anni.

pagina bolletta gori dati di consumo su fornitura

Importi e pagamenti

In basso a destra puoi trovare le informazioni sull’importo da pagare, oltre al periodo di fatturazione, di conguaglio e la data di scadenza della fattura. Ricorda che con l’attivazione del RID bancario, non solo non dovrai più preoccuparti di eventuali ritardi o dello smarrimento delle bollette, ma ti restituiremo anche il deposito cauzionale versato all’apertura del contratto di fornitura.

pagina bolletta gori info pagamenti e importi

Le pagine successive

Non trascurare le pagine successive alla prima, in queste puoi reperire molte informazioni utili come, ad esempio, i piccoli consigli e buone pratiche per ridurre gli sprechi, l’andamento dei consumi che mostra attraverso un grafico i tuoi consumi nel corso del tempo, puoi utilizzarla come “bussola” per comprendere se ci sono eventuali anomalie.

Nella sezione “Comunicazione ai clienti”, invece, ti riportiamo le comunicazioni da parte dell’autorità d’ambito per quanto riguarda l’evoluzione della normativa applicata o le novità messe in campo da Gori.

pagina bolletta gori altre info

Cos'è

Il Deposito Cauzionale è una somma di denaro che versi a Gori a titolo di garanzia e che deve essere restituita all'utente medesimo dopo la cessazione del contratto, nel rispetto delle condizioni contrattuali in vigore.

Con le fatture del servizio idrico integrato emesse, a partire dal giorno 6 marzo 2015, è stata data applicazione alla Disciplina del Deposito Cauzionale, approvata dall'Autorità per l'Energia Elettrica, il Gas ed il Sistema Idrico ("AEEGSI") con deliberazione n. 86 del 2013 e successivamente modificata con le deliberazioni AEEGSI n. 643/2013/R/IDR e n. 655/2015/R/IDR.


Come si calcola

Secondo quanto stabilito dall’ARERA, il Deposito Cauzionale (presente in fattura alla voce "Addebito deposito") è determinato in misura pari al valore medio, per tipologia di utenza, dei corrispettivi dovuti per un massimo di tre mensilità di consumo medio annuo. Qualora, invece, la differenza sia risultata a credito per l’utente sarà emesso il rimborso integrale della quota nella prima fattura utile.

Per i nuovi contratti il deposito viene invece calcolato in base al consumo medio per tipologia di utenza e l’applicazione avverrà in 3 rate: il 50% all’attivazione del contratto, il 25% nella prima bolletta utile e l’ultima rata (anch’essa del 25%) nella seconda bolletta utile.

Per le utenze condominiali il deposito è pari al 60% della somma dei valori dei depositi cauzionali dei singoli utenti.

Il deposito non viene addebitato agli utenti destinatari di bonus idrico, ed agli utenti che hanno attivato la domiciliazione dei pagamenti con consumi inferiori a 500 metri cubi nell'anno solare precedente.

Con la nuova disciplina introdotta dall'Arera, il deposito cauzionale è fruttifero e, pertanto, sarà restituito maggiorato, in base al saggio degli interessi legali, alla cessazione degli effetti del contratto di somministrazione.

Documenti allegati


Si tratta di addebiti, a carico di tutti gli utenti del servizio o di tutti gli utenti che fanno parte di una certa tipologia. Servono a compensare costi sostenuti nell’interesse generale del sistema, ad esempio per sostenere interventi di solidarietà in caso di calamità naturali o per le agevolazioni sociali.

Le componenti tariffarie perequative (UI) determinate dall’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente (ARERA) che i gestori devono applicare obbligatoriamente ai propri utenti e che vengono versate dal Gestore alla Cassa per i Servizi Energetici e Ambientali, hanno il seguente importo e destinazione:

  • La componente UI1, pari a euro/mc 0,004 destinata alla copertura delle agevolazioni tariffarie e rateizzazione pagamenti concesse a favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici
  • La componente UI2, pari a euro/mc 0,009 destinata per la promozione della qualità dei servizi di acquedotto, fognatura e depurazione
  • La componente UI3, pari a euro/mc 0,0179 destinata all'erogazione del bonus sociale idrico per le utenze in situazione di disagio economico-sociale
  • La componente UI4, pari a euro/mc 0,004 destinata alla copertura dei costi di gestione del Fondo di garanzia per le opere idriche
  • La componente UI2 Integrativa, ai sensi della Delibera ARERA del 27 Dicembre 2019 n. 580/2019/R/IDR, è definita quale "quota ad integrazione del meccanismo nazionale per il miglioramento della qualità del servizio idrico integrato". Tale componente è stata determinata dall'Ente idrico Campano con deliberazione n. 35 del 12 agosto 2021 del Comitato Esecutivo e quantificata in 0,7 centesimi di euro metro/cubo; in particolare, la componente, a partire dal 1 gennaio 2020, viene applicata ai volumi fatturati (acquedotto, fognatura, depurazione). Per quanto attiene ai consumi 2020 e 2021, già fatturati in precedenti bollette in cui la componente UI2 integrativa non era stata applicata nelle more delle determinazione da parte dell'EIC, provvederemo ad addebitare i relativi importi nelle fatture che verranno emesse nel corso dell’anno 2022. 

Per maggiori dettagli sugli oneri di perequazione applicati in bolletta vai a CSEA


Riferimenti normativi
Per approfondimenti inerenti il quadro normativo consulta la pagina disciplina del servizio idrico integrato
I consumi stimati e attribuiti in acconto nelle fatture sono calcolati sulla scorta dei consumi storici registrati per l’utenza. Per ogni utenza viene calcolato il cosiddetto “consumo medio annuo (CMA)” che determina di fatto i metri cubi assegnati all’utenza in base ai quali, per il periodo di riferimento fatturato, vengono calcolati i consumi in acconto. Tale valore viene aggiornato una volta all'anno entro il 31 luglio ed è, quindi, usato per stimare i consumi fatturati, in assenza di lettura effettiva, per l’anno successivo.


Documenti allegati


Consulente dell'assistenza clienti'

Hai bisogno di ulteriore assistenza?

Vai alla pagina Chiedi a Gori e scegli una delle modalità per metterti in contatto con noi
Chiedi a Gori Chiedi a Gori
Torna su